Perché difendiamo la famiglia

cutout_cookiesForse mai come oggi la famiglia è stata così tanto assediata, così tanto bersagliata. Eppure noi ci collochiamo dalla parte di coloro che la difendono. Pensiamo di avere tutte le carte in regola per giustificare tale scelta.

Difendiamo la famiglia perché è l’anticamera di tutto: il luogo primario della nostra umanizzazione. È nella famiglia che si impara il primo alfabeto della vita!
Se le prime esperienze sono positive, avremo quella Continua a leggere

Il rachitismo

Famiglia_02Il messaggio pedagogico più urgente, oggi: «Genitori, per favore, crescete!».
I nostri ragazzi hanno bisogno di riempirsi gli occhi di adulti limpidi, ben definiti. Hanno bisogno di padri e di madri che si comportino da genitori, non da amici.

C’è da augurarsi che nessuno dei lettori sia ammalato della malattia di cui dobbiamo (sì, lo sentiamo come dovere!) parlare in questo mese: il rachitismo. Continua a leggere

Le malattie dell’educazione

di PINO PELLEGRINO da Il Bollettino Salesiano

L’acqua può essere inquinata, l’aria può essere inquinata, il cibo può essere inquinato: tutto può essere inquinato! Anche l’educazione. L’inquinamento pedagogico nasce da alcune malattie da cui possiamo tutti essere contagiati. Le più diffuse, oggi, in Italia ci pare siano quattro: la ‘figliolite’, la ‘tarantolite’, la ‘sclerocardia’ (la ‘durezza di cuore’) e il rachitismo psicologico. Le vedremo, ad una ad una, nel nostro appuntamento mensile.

  1. La “ figliolite” bimbo_re

La ‘figliolite’ è la malattia dei genitori che stravedono per i figli, Continua a leggere

L’importanza di trovare dei motivatori

Digressione

CentroI veri motivatori sono pochi mentre i distruttori di motivazione sono dappertutto

Ho ventisei anni, mi sono laureata in Scienze dell’educazione ma non ho trovato lavoro, così da un anno sono alla cassa di un supermercato. Le chiedo: è giusto secondo lei che una ragazza laureata lavori per sette ore al giorno in un supermercato per 440 euro al mese? Quando torno a casa la sera mi sento una fallita. Non so quando mai potrò avere una casa mia, fare un viaggio, avere dei figli. Il mio fidanzato è un bravo ragazzo, studia e aiuta suo padre nel negozio di macelleria. Nemmeno lui ha molte speranze di uscire da quella situazione. Ci sentiamo come due prigionieri di quest’incubo. La domenica usciamo al mare, ma siamo spesso tristi, senza idee. Le sembra giusto tutto questo? Non abbiamo fatto nulla di male per meritarci questa vitaccia, grazie per l’ascolto, Loredana. Continua a leggere

Aiuto all’educazione cristiana

Boll_SalesianoLuAgo_14_01_Pagina_1Ringraziando gentilmente Don Bruno Ferrero direttore responsabile de il “Bollettino Salesiano” che permette la pubblicazione di articoli molto interessanti affinché siano un valido aiuto all’educazione cristiana “Come Don Bosco” fondatore dei primi oratori,  li potrete leggere in “Come Don Bosco”